VolontariPoascoCosa è stata questa esperienza per me?
Poche parole, ma ricche di significato.
Lacrime, condivisione, Presenza
Durante quella giornata ho versato non poche lacrime..Lacrime di gioia e di commozione, per la felicità e il senso di pienezza.
Lacrime che sono scese incontenibili al passaggio del Papa a pochi metri da me, a stento trattenute nell’incontro con gli occhi e gli sguardi emozionati dei volontari accanto a me. Ma lacrime anche di stanchezza e fatica, lacrime di agitazione e nervosismo.
Queste più aspre forse, ma addolcite e cancellate da quelle lacrime “finali”, quelle di quando tutto era compiuto e l’evento terminato.
E le lacrime della festa avevano tutto un altro sapore!
Fare la volontaria è stato in un certo modo come far parte di una grande famiglia: la bellezza della condivisione, dell’aiuto reciproco, così spontaneo e gratuito, hanno dato a questa esperienza quel tocco di casa da sentirsi quasi inspiegabilmente legati tutti tra di noi volontari, chi alle prime armi, chi con qualche anno di esperienza in più.
Percepivo dentro me la sensazione chiara di far parte di qualcosa di molto più grande, qualcosa dai confini forse difficilmente definibili, eppure forte e chiaro. E nello stesso momento sentivo la consapevolezza di essere il più piccolo ingranaggio di una grande macchina ma che in quel momento c’ero io, ero presente e viva e con me mille altri piccoli ingranaggi mettevano tutti se stessi per il meglio di questa giornata, tutti uniti verso la meta.
E oggi ripensandoci, rivendendo i video e rivivendo quei momenti, capisco davvero cosa mi abbia legato ai miei compagni in questa grande esperienza: la presenza, così tangibile, del Signore, la sua concretezza nei gesti e nelle parole.
E più di tutto la Sua Presenza ha reso questa esperienza di volontariato forte e viva: la sua Presenza come Persona, come Qualcuno nelle vesti e nei volti di pellegrino o di volontario, di cresimando o figurante, di genitore od educatore e la Sua Presenza come Provvidenza, nel sole che splendeva sopra di noi e nell’acqua che ci ha inzuppati a fine servizio, andandosi a mescolare con le lacrime di gioia.
”Sai, credo che sia questo il senso di questi eventi: ti lasciano una cosa dentro come quando sei innamorato” mi disse un’amica volontaria a fine servizio.
Lacrime, condivisione, Presenza: questo è stato il mio essere volontario.
Sentirsi parte di un qualcosa di così grande, farlo nel Suo nome, ti fa innamorare delle persone che incontri, della bellezza di essere al servizio degli altri e dell’aiutare.. ti fanno innamorare della vita e piangere di gioia.
Ho portato a casa con me un gran mal di piedi, di schiena e mille chilometri macinati ma anche e soprattutto un cuore gonfio di Bellezza, quella con la B maiuscola, quella che non si dimentica, che rimane nel cuore e nella testa, che ti da un’energia vitale che…
beh, provare per credere!

Valentina

Prossimi appuntamenti

No events

Orari Celebrazioni

piazza

 Feriale tranne il venerdì in periodo di Quaresima
ore 18.00

Prefestivo
ore 18.00

Festivo
ore 11.00
ore 18.00

Sgalis

I Sgalis de Poasch e Sorighèe te cùnten su

Le origini del nostro territorio

cielo sole

Il Nocciolo

Scarica l'ultimo numero del bollettino parrocchiale

 

nocciolo whatsup

Il Nocciolo WhatsApp

Scopri come ricevere le notizie della nostra parrocchia su WhatsApp

agenda

Eventi

Tutti gli appuntamenti nella nostra parrocchia e non solo

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione CookiePolicy